Sono passati ormai più di due anni dalla tempesta Vaia: ora è arrivato il momento di prepararsi alle sfide del futuro anche in relazione alla lezione che questo evento climatico estremo ci ha insegnato. Diventa quindi necessario riunire tutti i protagonisti del territorio per identificare le problematiche e promuovere buone pratiche per definire proposte concrete per il prossimo futuro; l’evento Vaia può infatti trasformarsi in un’occasione per confrontarsi su quale futuro vogliamo per questo territorio.

Per questo motivo nell’ambito del progetto “La Montagna Viva: dalla tempesta Vaia a nuove opportunità di sviluppo sostenibile in Dolomiti”, insieme alla Fondazione G. Angelini proponiamo quattro laboratori partecipativi che permetteranno ai cittadini di confrontarsi su esperienze positive e criticità emerse nel territorio e di portare, sulla base della propria esperienza, istanze, idee e proposte operative nei territori dell’Agordino, del Cadore e della Valbelluna. A conclusione i risultati saranno raccolti in un documento che sarà presentato alle Istituzioni regionali e nazionali ai fini di migliorare le politiche per il territorio.

PROGRAMMA

I laboratori partecipativi aperti a tutti i cittadini saranno distribuiti su alcune aree della Provincia: l’Agordino, il Cadore e la Valbelluna. Non è necessaria nessuna iscrizione ai laboratori basta unicamente recarsi presso le seguenti località:

  • 16 luglio 2021 • Mel (Borgo Valbelluna), piazza Papa Luciani 
  • 22 luglio 2021 • Pieve di Cadore, piazza Tiziano 
  • 23 luglio 2021 • Agordo, p.le Marconi (Municipio – Sede CAI) 

I laboratori sono pensati come degli spazi aperti di incontro e confronto. Per venire incontro a tutte le esigenze i tavoli di discussione rimarranno aperti dalle 11.30 alle 19:30: ogni interessato potrà arrivare quando preferisce, senza pre-iscrizione, e avrà la possibilità portare la propria testimonianza e le proprie proposte e idee per il territorio.

I temi di confronto si incentreranno su la gestione del territorio, il turismo, i servizi e le infrastrutture, e le opportunità di sviluppo della montagna. La discussione sarà supportata dalla presenza di facilitatori ed esperti sulla base di una metodologia già utilizzata in contesti simili, che si avvale di supporti visivi in un ambiente informale di apertura e ascolto.

SCOPRI DI PIÙ

Guarda i video-racconti della giornata