Sviluppare e diffondere un nuovo approccio alla selvicoltura urbana


  • WOWnature
  • Commissione Europea
  • SpagnaRomaniaIrlandaItaliaOlandaSvezia
  • 2021-2023
  • www.uforest.eu
  • Facebook
    Linkedin


  • Ersaf
    Polimi
    Etifor | Valuing Nature
    EFI
    UAB
    Creaf
    Agresta
    Unitbv
    Forest Design Srl
    Trinity College Dublin
    Nbsi
    Green City Watch

Il problema

Le tendenze globali (mega trends) sono chiare: entro il 2050, l’84% della popolazione europea vivrà in aree urbane, mentre l’inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico continueranno a danneggiare la salute dei cittadini. Nonostante piccoli miglioramenti, i livelli di inquinamento – che superano frequentemente i limiti fissati dell’Unione Europea (UE) – e le ondate di calore peggiorano le prospettive di vita della popolazione. Le foreste urbane (Urban Forests) sono soluzioni efficaci che aiutano a mitigare gli effetti del cambiamento climatico, migliorando la qualità della vita e dell’aria nelle città. Le principali metropoli del mondo stanno pianificando attività di riforestazione urbana mentre lottano per affrontare i costi di creazione e gestione. Ma il settore dell’educazione non si sta sviluppando con la stessa velocità: discipline come la pianificazione urbana e le scienze forestali non sono ancora riuscite a fornire una formazione interdisciplinare relativi all’altezza. Temi come la silvicoltura urbana (Urban Forestry) le “soluzioni basate sulla natura” (nature-based solution o NBS) sono spesso lasciate in secondo piano. Ed è proprio in questo gap fra domanda e offerta formativa che trova posto il progetto UFOREST.

Il progetto

UForest mira a sviluppare un nuovo approccio alla selvicoltura urbana attraverso la creazione di attività innovative che coinvolgeranno università, amministrazioni e imprese a livello europeo.

Come?

  • facilitando lo scambio e la co-creazione di conoscenze tra università, amministrazioni locali e imprese provenienti da diverse discipline che spesso non cooperano: dalla pianificazione progettazione del paesaggio fino all’ecologia forestale passando per la socio-economia e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • promuovendo un nuovo, innovativo e multidisciplinare corso di formazione sulla Selvicoltura Urbana per studenti e professionisti;
  • stimolando l’attitudine imprenditoriale di studenti, ricercatori e professionisti così da formare professionalità in grado di rispondere al bisogno crescente di soluzioni efficienti ed efficaci.

Il progetto ha coinvolto principalmente Italia, Spagna, Romania, Irlanda, Paesi Bassi e Svezia però, anche grazie alla partnership con l’European Forest Institute, i risultati sono stati diffusi a livello europeo.

Il nostro contributo

Il nostro team è stato coinvolto in diverse attività trasversali come:

  • Mappatura degli stakeholder, analisi delle tendenze e valutazione dei bisogni formativi dei beneficiari;
  • Ricerca focalizzata sulla formazione: benchmarking dei modelli di business, case study, ecc;
  • Scrittura dei report: Blueprint, Market Outlooks, ecc;
  • Attività di comunicazione e divulgazione.

Obiettivi raggiunti

Il filo rosso del progetto è stata la formazione. La prima edizione del corso online “Nature in the city: turning knowledge into urban forestry practice” organizzato nell’autunno del 2022 ha riscosso un grande successo coinvolgendo oltre 1000 partecipanti da diverse parti del mondo.

Nel settembre 2023 la Uforest Specialization School  ha coinvolto 20 studenti e studentesse per due intense settimane, con l’obiettivo di sviluppare un progetto di foresta urbana a Barcellona. Per passare dalla teoria alla pratica, questa foresta sarà piantata nel dicembre 2023 in occasione della prima European Urban Forest Week. Oltre a Barcellona, anche Dublino, Milano e Brasov saranno protagoniste di questa iniziativa e quattro nuove foreste urbane vedranno la luce.

Tra gli obiettivi iniziali c’era anche quello di raccogliere adesioni e formare un’alleanza attorno al tema delle foreste urbane. Sono 345 gli iscritti alla Uforest Alliance, provenienti da tutti e cinque i continenti.

Il sostegno della Commissione europea alla produzione di questa pubblicazione non costituisce un’approvazione del contenuto, che riflette esclusivamente il punto di vista degli autori, e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per l’uso che può essere fatto delle informazioni ivi contenute.