Migliorare la comprensione delle interazioni tra Acqua, Energia, Cibo e Clima (WEFC Nexus) per la sicurezza delle risorse naturali e lo sviluppo sostenibile.


  • Gestione responsabile
  • Commissione Europea
  • ItaliaSpagnaGreciaIsraeleGiordaniaTurchia
  • 2021 - 2024

L’approccio Nexus nasce dalla consapevolezza che l’acqua, il settore energetico, il settore agricolo e gli ecosistemi naturali presentano forti interconnessioni e che, seguendo un approccio settoriale tradizionale, il tentativo di raggiungere la sicurezza delle risorse naturali in modo indipendente spesso mette in pericolo la sicurezza di uno o più degli altri settori. Nell’ultimo decennio sono stati fatti sforzi significativi per migliorare la comprensione del Nesso Acqua-Energia-Cibo (comunemente indicato come Water-Energy-Food Nexus) come quadro della sicurezza delle risorse e dello sviluppo sostenibile.

Il progetto LENSES (LEarning and action alliances for NexuS EnvironmentS) mira a concretizzare il concetto di WEF Nexus nell’area mediterranea e a tradurre le considerazioni concettuali in soluzioni pratiche, riducendo gli impatti e i rischi sugli ecosistemi dipendenti dall’acqua.

Il problema

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) in materia di acqua, energia, cibo e biodiversità costituiscono il fulcro dell’Agenda 2030. Un principio centrale degli SDGs è quello di toccare tutti questi diversi ambiti e gestirli in modo interdipendente.
Tuttavia, l’attuale utilizzo e l’allocazione impropria delle risorse WEF ha creato uno squilibrio nei sistemi fisici e naturali. Sebbene queste risorse siano interconnesse, le istituzioni che le gestiscono agiscono in modo indipendente, per facilitare e accelerare i processi decisionali. Trascurare le interconnessioni delle risorse è particolarmente critico nella regiona mediterranea, dove le proiezioni del cambiamento climatico e le pressioni demografiche rendono sempre più rilevante la necessità di ottimizzare l’utilizzo della risorsa idrica da un punto di vista economico, ambientale e sociale.

Il progetto

LENSES ha l’obiettivo ambizioso di operare un cambiamento decisivo nel modo in cui la nostra società tratta il Nesso Acqua-Energia-Cibo. Questo progetto mira a fornire gli strumenti per migliorare la distribuzione e l’utilizzo della risorsa idrica, ad aumentare la sicurezza alimentare, preservando gli ecosistemi e aiutando l’adattamento ai cambiamenti climatici nella regione mediterranea.

LENSES verrà implementato in 6 differenti siti pilota distribuiti nel bacino del Mediterraneo, accumunati da condizioni di uso conflittuale dell’acqua e del suolo dovuto alla produzione agricola, al settore energetico e altre attività (quali la conservazione di foreste ed ecosistemi naturali, il turismo e la produzione industriale).

Il nostro contributo

Etifor contribuirà al progetto fornendo le basi metodologiche e tecniche per la validazione delle Nature-based Solutions (NBSs) in ciascuno dei siti pilota. Nello specifico, si occuperà di:

  • supportare i partner di progetto nella valutazione dell’efficacia tecnica delle NBSs selezionate per ciascun sito pilota
  • elaborare un framework di valutazione dei benefici socio-economici, dei costi e dei rischi associati alle NBSs identificate
  • elaborare un framework per la valutazione del contesto politico e di governance per le NBSs identificate.

Inoltre, il team di Etifor identificherà una serie di modelli di finanziamento, investimento e di business per le NBSs selezionate, in modo da valutare la loro sostenibilità economica e di governance a lungo termine.

Il progetto LENSES (LEarning and action alliances for NexuS EnvironmentS) fa parte del programma PRIMA finanziato dall’Unione Europea